Vedo

Rischi oculari per esposizione ai raggi ultravioletti

E' importante ricordare che i raggi solari sono una fonte importante di raggi UV in grado di danneggiare i tessuti dell'apparato visivo; sono prevalentemente a rischio di danno da UV (da raggi solari e da fonti artificiali): 

la cornea (cheratiti attiniche dolorose) 
il cristallino (cataratta) 
la retina (eclissi e degenerazione maculare) 
I raggi ultravioletti si distinguono in UV-A ed UV-B. Le radiazioni UV-A sono le più lunghe, determinano l'abbronzatura e sono coinvolte nelle patologie minori della cute; le UV-B sono quelle responsabili dei tumori della cute. L'eccessiva esposizione alla luce intensa può "bruciare" la superficie dell'occhio (cornea e congiuntiva) ed il rischio aumenta quando tali UV vengono riflessi come accade con la neve. Comunque il danno da riverbero dei raggi UV dalla neve determinando una fotocheratite molto dolorosa si autolimita; è invece l'esposizione cronica che crea i problemi più seri.

Diversi studi hanno dimostrato una causalità tra esposizione agli UV e l'insorgenza di cataratta; anche se non si è ancora stabilito quale tipo di cataratta sia tipica di tale danno, si è però dimostrato che la riduzione dell'esposizione ai raggi UV riduce il rischio d'insorgenza delle cataratte corticali e sottocapsulari posteriori. 

Da studi di laboratorio si è dimostrato che l'esposizione agli UV ed alla luce blu contribuiscono a determinare la degenerazione maculare che rappresenta una delle più grandi cause di cecità sopra i 50 anni. 
Si ritiene sia prudente quindi proteggersi dagli UV per ridurre l'esposizione quando è possibile con occhiali da sole e cappelli e dove l'esposizione è particolarmente prolungata con occhiali con specifico assorbimento.

Per appuntamento

 Chiamaci allo 02.58305550. Siamo aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 18.00

Link utili

 

Video

Sample video

Scopri il canale youTube del Dottor Vanetti.

Il nuovo laser a femtosecondi garantisce maggiore precisione, riproducibilità dei risultati, ridotto traumatismo rispetto al bisturi

_ Dottor Vanetti