Vedo

Carlo Vanetti: lenti intraoculari fotoregolabili e accomodative

B2eyes.com - 19 marzo 2003
Ha avuto di recente il "nulla osta" per la sperimentazione in Europa un nuovo modello di lente intraoculare, da utilizzare negli interventi di cataratta ed eventualmente per correggere difetti visivi elevati, che ha il grosso pregio di consentire di personalizzare la visione dei pazienti dopo l’operazione. Si tratta delle cosiddette lenti fotoregolabili, messe a punto da alcuni ricercatori dell’università della California di San Francisco

"Le nuove lenti sono costituite da silicone fotosensibile la cui curvatura può essere modificata utilizzando un raggio luminoso di lunghezza d’onda opportuna. In pratica, dopo circa un mese dall’impianto, è possibile regolare con un laser il potere di queste lenti direttamente all’interno dell’occhio per correggere eventuali difetti residui" spiega il dottor Carlo Vanetti, microchirurgo oculare a Milano e membro dell’American Society of Cataract and Refractive Surgery. "Nel caso, per esempio, di lieve miopia residua postoperatoria il raggio di luce correttivo viene indirizzato sulla parte periferica della lente così da ridurne la curvatura centrale e, quindi, il potere diottrico. Se, invece, dopo l’intervento l’occhio risulta ipermetrope si irradia il centro della lente per aumentarne la curvatura. Infine, nel caso residui dell’astigmatismo, lo si può correggere indirizzando il raggio luminoso in corrispondenza del meridiano di cui si intende modificare la curvatura" puntualizza l’esperto.

Leggi tutto...

"Pistola ad acqua" per colpire e asportare con delicatezza il cristallino

B2eyes.com - 12 febbraio 2002
Presentata recentemente al congresso mondiale di oculistica di New Orleans dal dottor Serafano di Long Beach (Ca), questa nuova tecnologia, ancora in fase di avanzata sperimentazione, si basa su rapidi impulsi di liquido (cento per secondo) che vengono diretti da una micro sonda contro il cristallino aumentandone l’idratazione, ammorbidendolo e creando al suo interno delle erosioni che ne permettono la liquefazione e la successiva aspirazione

Abbiamo chiesto conferma di questa novità a Carlo Vanetti, microchirurgo oculare di Milano. “Si è vero, da alcuni anni si continuano a sperimentare nuove macchine e tecniche diverse per asportare con sempre maggior delicatezza il cristallino umano opaco, cioè la cataratta.”

Leggi tutto...

Degenerazione maculare e chirurgia della cataratta

B2eyes.com - 10 maggio 2001 
Se siete pazienti affetti da ''degenerazione maculare senile'', quali sono le possibilità di vedere meglio dopo la chirurgia della cataratta?

Una delle domande più frequenti al St. Luke’s Retina Institute (Florida) è questa: “Se ho una degenerazione maculare senile vedrò meglio dopo l’asportazione della cataratta?”

Sulla base dell’ipotesi che l’intervento di cataratta possa essere un fattore di rischio nell’evoluzione della degenerazione maculare senile “secca” alla forma “umida” è stato condotto uno studio tra il 1996 e il 1999 da Dr Armbrecht di Edimburgo. Lo studio del Dott. Armbrecht concludeva che la maggior parte dei pazienti con degenerazione maculare senile di grado moderato - medio, aumentavano la qualità di vista (e di vita, conseguentemente) dopo l’intervento di cataratta.

Leggi tutto...

Ancora sul trattamento laser "personalizzato"

B2eyes.com - 16 ottobre 2001
Durante il congresso mondiale di oculistica tenutosi a S.Diego (California), ricercatori e chirurghi di tutto il mondo si sono scambiati esperienze e risultati clinici

Durante il congresso mondiale di oculistica tenutosi a S.Diego (California), ricercatori e chirurghi di tutto il mondo si sono scambiati esperienze e risultati clinici “E’ stato per tutti un momento di confronto molto importante”, ci conferma il Dott. Carlo Vanetti, microchirurgo oculare di Milano e membro della ASCRS (American Society of Cataract and Refractive Surgery).

Leggi tutto...

Lente intraoculare multifocale per gli operati di cataratta

B2eyes.com - 19 aprile 2001 
Presentata al congresso internazionale di chirurgia oculare a San Diego dal 28 aprile a 2 maggio

Questa nuova lente permetterà presto agli operati di cataratta di mettere a fuoco oggetti posti a tutte le distanze.
Non è la prima volta che la ricerca va in questa direzione.
“In questo caso la lente è detta 'accomodativa'”, spiega il dottor Carlo Vanetti, microchirurgo oculare di Milano presente al simposio americano, “usando un nuovo design e sfruttando al meglio l’anatomia e la dinamica muscolare dell’occhio, questa lente consente una messa a fuoco automatica e fisiologica sia da lontano sia da vicino”.

Leggi tutto...

Principali patologie

Cataratta
Anestesia locale con collirio, microchirurgia senza punti di sutura, facoemulsificazione ad ultrasuoni della cataratta, tecnica con getto ad acqua, lenti intraoculari pieghevoli, multifocali, il recupero visivo
Miopia
È un difetto di refrazione che provoca una visione sfocata da lontano, mentre la visione da vicino è buona. Questo vizio refrattivo è dovuto alla eccessiva lunghezza del bulbo oculare ed al fatto che le immagini vanno così a fuoco prima della retina.
Glaucoma
la nuova microchirurgia non perforante, l'uso dei laser Argon e Yag nel trattamento della ipertensione intraoculare. Diagnosi precoce - la terapia topica con colliri - quando si rende necessario l'intervento

Per appuntamento

 Chiamaci allo 02.58305550. Siamo aperti dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 18.00

Link utili

 

Video

Sample video

Scopri il canale youTube del Dottor Vanetti.

Il nuovo laser a femtosecondi garantisce maggiore precisione, riproducibilità dei risultati, ridotto traumatismo rispetto al bisturi

_ Dottor Vanetti